Il Gaggio

By ingaggiodarte

Il “Gaggio” è il posto dove vivo con mia moglie Simona. Questo posto ha una storia centenaria e mi è piaciuto da subito. L’ edificio ha ospitato fino agli anni ’45 del secolo scorso un mulino ad acqua. Esistono notizie storiche della presenza di un mulino in quest’area  fin dal ‘400. Non ci sono notizie documentarie precise che lo identifichino esattamente con questo edificio, ma la cosa è possibile e molto probabile. Dal 1600 è invece sicuramente  localizzabile in questo edificio. E’ uno degli oltre sessanta mulini esistenti nella Valconca, ed era censito come mulino del Gaggio.  Il toponimo che nel linguaggio popolare ( dialettale de Gag) significa “di colore rosso” dà il nome anche alla zona. Non se ne conosce l’origine che potrebbe derivare dalla presenza in loco di uccelli dal piumaggio rossastro o da San Gaggio.  La prima volta che l’ho visto era un rudere abbandonato in mezzo alle sterpaglie,  ma aveva il fascino di tutte le cose che hanno una storia da raccontare e mi ha subito conquistato. E’ stata un’esperienza entusiasmante recuperalo a nuova vita e farlo diventare la nostra casa. Dopo aver definito il progetto di rifunzionalizzazione per due anni mi sono sporcato le mani di terra e di calce. Ne è valsa la pena. Ora alla sua storia possiamo aggiungere anche la nostra.

Per chi volesse approfondire il tema degli opifici, c’è un bellissimo libro ” I mulini ad acqua della valle del Conca, Analisi e censimento degli antichi opifici idraulici”, Luisè  Editore, che descrive gli oltre sessanta opifici presenti in questa bella valle che sale dall’Adriatico verso il Monte Carpegna.

Per chi volesse condividere la propria esperienza di cambiamento o semplicemente scambiare opinioni può scriverci qui: [email protected]

Se invece volete visitare il ” Gaggio ” e vedere dal vivo la galleria e magari anche acquistare un quadro, siete i benvenuti. Possiamo eventualmente anche ospitare, c’è  una camera a disposizione per gli ospiti, ma solo due persone  perchè non è molto grande.

Visita la pagina Giardin(G)aggio.

*